• Via Cavalli 22, 26013 Crema (CR)
    Piazza della Rinascente 23, 26025 Pandino (CR)
  • Crema 0373 203810
    Pandino 0373 631158
  • info@centromedicofisioterapico.it
  • SEGRETERIA CREMA
  • Lun-Ven 08:30 - 12:30 / 15:30 - 19:30
  • SEGRETERIA PANDINO
  • Lun-Ven 09:00 - 12:30 / 15:00 - 19:30
  • TRATTAMENTI/VISITE CREMA
  • Lun-Ven 08:30 - 19:30
    Sabato su appuntamento
  • TRATTAMENTI/VISITE PANDINO
  • Lun-Ven 09:00 - 19:30
    Sabato su appuntamento
Via Cavalli 22, Crema  |  Piazza della Rinascente 23, Pandino
Fisioterapia

Fibrolisi Diacutanea

La fibrolisi diacutanea è una metodica utilizzata in ortopedia, fisiatria, medicina sportiva e fisioterapia. Viene utilizzata per il trattamento di tessuti molli e fibrosi, para e periarticolari (ad esempio spalla gomito), nelle aderenze post-traumatiche e post-infiammatorie in cui sia presente dolore e limitazione funzionale.

Com’è noto, in presenza di eventi acuti la risposta del nostro organismo non sempre è ottimale. Il processo di guarigione può non essere perfetto e il risultato è la presenza di “cicatrici” nei muscoli o nei tendini. Tali cicatrici si presentano sotto varie forme come noduli o aderenze fibrose. A volte il processo di riassorbimento di tali strutture può durare mesi, se spontaneo, e a volte può non avvenire. Questa metodica cerca di avviare o accelerare il processo di riassorbimento, riportando il tessuto in condizioni di normalità.  Essa può apparire una metodica di facile esecuzione, ma in realtà richiede un’ottima manualità e una notevole sensibilità.

Una seduta di fibrolisi diacutanea consta sostanzialmente di due fasi. La prima è quella diagnostica, mentre la seconda consiste nell’intervento manuale vero e proprio.

Il terapista agisce in modo diverso a seconda della profondità della formazione fibrosa. Se quest’ultima è localizzata abbastanza superficialmente ed è possibile comprimerla agevolmente sul piano osseo, il terapista la effettua muovendo la cute su piani più profondi. Se il problema è localizzato in un settore muscolare abbastanza profondo, le manovre saranno più complesse e articolate.

Lo scopo è quello di riuscire, nel giro di poche sedute, a frammentare meccanicamente il corpo fibroso. L’eliminazione delle aderenze, tipiche delle cicatrici tissutali, rende possibile un aumento della mobilità delle fibre trattate. Siano esse muscolari, legamentose, tendinee o capsulari, un ripristino del microcircolo e l’instaurarsi di condizioni ottimali per il superamento dello stato infiammatorio sia acuto che cronico.

 
Effetti indesiderati

La fibrolisi può provocare dolore. In certi casi può essere particolarmente intenso, in particolar modo nei punti in cui sono presenti le maggiori aderenze. Terminata la seduta non è escluso un temporaneo riacutizzarsi della sintomatologia dolorosa. Questo problema però tende a risolversi nel giro di poco tempo.

La fibrolisi diacutanea è controindicata nei soggetti affetti da notevole fragilità capillare o da disturbi della coagulazione. È altresì sconsigliata ai soggetti molto anziani e a tutti coloro particolarmente sensibili alle stimolazioni dolorose.

 

I nostri servizi

  • Medicina specialistica
  • Fisioterapia
  • Recupero funzionale
  • Osteopatia

I nostri contatti